CONTRAILS

Like a Caterpillar © Davide Bona

In seguito a ricerche in prima persona D. scopre, leggendo un libro, che un percorso clinico alternativo al classico ospedaliero forse era possibile. Trova cosi' nella "famiglia di accoglienza" della fattoria di Macinarsi l'ospitalita' sociale di cui aveva bisogno. Qui infatti senza essere sfruttato lavora tre ore al giorno con gli animali o nei campi in cambio di vitto e alloggio. Diffidando dai lunghi e inutili periodi di ospedalizzazione puo' affrontare i problemi psichici che lo affliggono e migliorare la propria persona tramite le regole e i ritmi che la campagna e la convivenza gli impongono. Lontano da tentazioni, vizi e quell'impostazione consumistica della nostra societa' che proprio non gli andava a genio. Scelta autonoma non facile per un ragazzo della sua eta' cresciuto in citta'.
loading